Quote e aerei

Pilatus pc-6

Pilatus pc-6

Aldilà di immaginari droni, peraltro mai fotografati, con apertura alare di 19 mt che solcano i cieli a 2000 mt sulla verticale di Sanremo, zigzagando mentre rilasciano evidenti scie nel tentativo di centrare piccoli cumuli, la presunta altezza delle scie è sempre stata una inesauribile fonte di furiose liti (che ovviamente non sono ammesse in questo blog).

Io non escludo assolutamente che ci possano essere scie a 2000 mt, ma non nei nostri cieli e ancor più in questa stagione. Probabilmente in paesi freddi quali la Siberia, si vedranno persistenti a pochi metri dal terreno, ma qui da noi sono decisamente più alte. Quindi, cortesemente, non attacchiamo la solita litania di altezze presunte solo da qualcuno che le spara a casaccio. Già 6.000/7.000 mt è una stima bassa per sperare di trovare scie in questa stagione.

Questa constatazione fa ben capire come, là ove vi siano risorse limitate, sia preferibile il ricorso ad un pallone sonda piuttosto che ad un mezzo aereo.

Il proporre un aereo come il Pilatus Pc 6 il quale ha una quota operativa max 7620 mt è perlomeno indice di larga approssimazione. Allego alcune caratteristiche dell’aereo per meglio capire:

  • Max. velocità con aereo livellato: 231 km/h (125 kts)
  • Velocità di crociera economica: 213 km/h (115 kts)
  • Velocità di stallo: 96 km/h, flaps down
  • Max. quota operativa: 7620 m (25000 ft)
  • Rateo di salita: 4,78 m/s
  • Distanza corsa di decollo: 197 m at sea level
  • Range con carico massimo: 730 km
  • Max. range: 925 km o 1503 km con due serbatoi alari supplementari
  • Autonomia: 4 h 20 min o 7 hr 35 min con due serbatoi alari supplementari da 242 litri

Consideriamo inoltre che sono diffusi ed utilizzati principalmente per i lanci sportivi quindi difficilmente si trovano con serbatoi supplementari.

Del resto se le irrorazioni contengono effettivamente nanoparticolato o ogni altro genere di additivi che ricade sul terreno e lo contamina, se ne deve trovare traccia a qualunque quota, ancor più quando ci si avvicina alla fonte ovvero alla scia. Insomma, chi fotografa le “nebbie sulfureee di ricaduta neurotossiche” dovrebbe perlomeno premurarsi di campionarle e farle esaminare, purtroppo io non le ho mai viste quindi…

Di conseguenza non comprendo il problema di centrare chirurgicamente la scia, anche se là ove fosse presente un reticolo od un alto numero di esse è lo scenario di prelievo migliore. Il pallone esploderà a circa 30.000 mt e fino a tale quota nonchè per l’intera fase di caduta frenata continuerà a raccogliere dati quali temperatura, velocità e direzione vento, pressione, umidità che saranno salvati insieme ai dati video in una unità di memoria integrata alla sonda.

Nei prossimi giorni pubblicherò l’elenco aggiornato delle sottoscrizioni finora ricevute, ringraziamo tutti per la generosità e ci teniamo a comunicare che quest’ultime sono finora assolutamente trasversali, equamente divise tra chi crede e chi no.

Ringrazio tutti coloro che ci appoggiano, condividete la nostra iniziativa per farci conoscere.

[FV]

Aggiornamento: a seguito di alcune mail che mi dicono di come siano certe le scie a duemila metri faccio presente che non considero attendibili misurazioni fatte con “La prova del laser” o “La prova del telemetro” (fantasma) od altre assurde amenità del genere. A buon intenditore poche parole.

Annunci

40 pensieri su “Quote e aerei

  1. Hai scritto “nebbie sufuree di ricaduta nerotossiche”. Corregi subito in “neurotossiche” altrimenti piomberà qui il vuoto e bilioso prof. Zretino che ti ammorberà a vita (dato che si crede un GRANDE intelletuale) sulla tua crassa ignoranza paragonata invece alla sua brillante mente, ahimè disprezzata dalla subumanità che non lo capisce.

    • Sottolineo quello che avevo scritto in un post precedente:
      analisi a parte ciò che sarà di certo impossibile smentire da parte di chiunque (sano di mente) sarà la QUOTA delle scie di condensa.
      Consiglio agli organizzatori di riprendere bene da terra tali scie e poi di prendere molte foto a quota 1561m o giù di li proprio per far vedere cosa c’è (NULLA) a quelle ridicole altezze.

      Riguardo al “centraggio” di una scia col pallone sonda… mi voglio ripetere ancora una volta: chi misura dal terrazzino morgelloni, nebbie di ricaduta, alluminio, bario e nanomacchine non ha titolo alcuno per pretendere centrature di scie o altre sciocchezze simili.

      Ce l’hanno menata per anni sul fatto che siamo inondati da materiali dispersi, che le scie disperdono, che piovono sassi da quando disperdono per aria… e ora di botto non va più bene?

  2. Per l’ennesima volta mi tocca ricreare il commento, in quanto non memorizzato dal blog. invito chi di competenza a trovare una soluzione.
    Come già annunciato nelle precedenti risposte da me inserite, sarei molto interessato a leggere e analizzare in modo molto critico i protocolli di prelevamento che, secondo quanto da vuoi annunciato, dovevano essere pubblicati prima di lanciare la sottoscrizione. Accetto il fatto che, pressati dal successo del blog, abbiate accorciato i tempi, ma per la serietà del lavoro che presentate (e per la vostra credibilità) spero pubblichiate quanto prima questi protocolli in modo che siano oggetto di discussione on-line e per affinare gli stessi. Spero che questa mia risposta vi dia uno spunto di riflessione.
    Renato.

  3. “ringraziamo tutti per la generosità e ci teniamo a comunicare che quest’ultime sono fino assolutamente trasversali, equamente divise tra chi crede e chi no.”
    Forse perche’ a chiunque abbia un minimo di intelligenza fa piacere capirci un po’ di piu’?
    Avete imboccato la strada giusta. Avete chiesto aiuto, e vi e’ stato dato. Andiamo avanti tutti insieme e facciamo chiarezza.

  4. Mi fa piacere che abbiate evidenziato il paradosso del Pilatus PC6.
    Purtroppo il sig. rosario marcianò ha l’abitudine di produrre documentazione audiovisiva relativa all’attività di ricerca indipendente solo ed esclusivamente presso il terrazzo di casa sua, probabilmente è in attesa che anche il Pilatus PC6 atterri sul terrazzo per salirci a bordo e raccogliere i campioni ad aereo fermo e motore rigorosamente spento per non inquinare le prove, però ci devono essere ben due piloti, anzi meglio se in quattro con il motorista e il navigatore!
    Il suddetto signore dimentica che a qualche chilometro da casa sua c’è il monte Bignone, alto ben 1.200 metri.
    Sarebbe interessante sapere perché dal 2006 non è mai salito sulla cima del monte per filmare i tankeroni, prelevare i campioni di aria con il recente sniffatore di poveri e quantomeno utilizzare il telemetro, gli aerei dovrebbero passare a qualche centinaio di metri di distanza… dovrebbe essere un paradiso di scie chimiche.
    Eppure è proprietario di una fiammante Renault, per caso ha bisogno di una colletta per la benzina?

  5. Concordo con Renato, sarebbe bene avere qualche post relativo alla documentazione che state approntando. Capisco che in tanti anni nessuno ha fatto niente e ora a voi si chiede di fare tutto in qualche settimana, ma questa attesa offre facili pretesti ai detrattori.
    Buon lavoro.

  6. Già documentare in maniera solida la quota delle scie significa aver fatto più di chiunque altro nel “campo” ed è un’ ottimo punto di inizio.

    Oltretutto l’approccio è molto più costruttivo di uno sterile “ma io ho dubbi e faccio solo domande, non sta a me dimostrare” o peggio dire che basta “guardare in alto”

    Non ci dovrebbero essere dubbi in questo caso, ma il metodo scientifico è anche questo, e ogni tanto capita pure che si scoprono cose contro intuitive (non sara’ questo il caso)

    In altre parole ottima iniziativa, non scoprirete un mega complotto mondiale, ma se andate fino in fondo risolverete i dubbi di gente che per un motivo o per un’altro e’ preoccupata (e ridurrete il businnes di chi ci campa su questi dubbi, ma questa e’ un’altra storia :D)

  7. Non vorrei diventare fastidioso con le mie continue puntualizzazioni, ma alla frase
    Di conseguenza non comprendo il problema di centrare chirurgicamente la scia, anche se là ove fosse presente un reticolo od un alto numero di esse è lo scenario di prelievo migliore. già ti eri risposto con …se le irrorazioni contengono effettivamente nanoparticolato […] se ne deve trovare traccia a qualunque quota, ancor più quando ci si avvicina alla fonte ovvero alla scia..
    Quanto più ci si allontana dalla scia-madre tanto più l’ipotetico particolato si disperde nell’aria. E tanto più si scende di quota, tanto più avverrà una dipersione anche in senso orizzontale.
    Per tentare di spiegarmi meglio ho fatto un disegnino ( http://img10.imageshack.us/img10/5845/ikq.gif ) con qualche calcoletto allegato che prende in esame due ipotesi partendo da una scia che, appena emessa, abbia una sezione di 1 mq.
    (nei calcoletti la distanza d è in metri).

    1) l’ipotetico particolato scende come un velo, spandendosi solo in senso orizzontale e allargandosi come un ventaglio;
    2) l’ipotetico particolato si diffonda omogeneamente all’interno dello spazio delimitato dal “ventagio”.
    Ovviamente né l’una né l’altra ipotesi è vera. La dispersione sarebbe estremamente irregolare e dipendente dalle correnti verticali e orizzontali.
    Però i calcoletto continua ad avere un minimo di senso: mostra l’ordine di grandezza della diluizione che subisce il materiale nella discesa. Si vede che anche nel caso che il vantaglio non sia particolarmente ampio (10°) a 5000 sotto la quota di rilascio (con una dispersione omigenea nello spazio) abbiamo una concentrazione di meno di mezzo milionesimo di quella iniziale.
    La situazione sarebbe migliore (diluito solo mille volte, comunque non noccioline) se la discesa fosse “a velo”.

    In questo senso, seppure non occorre centrare esattamente la scia nel prelievo, è molto opportuno avvicinarsi quanto più possibile.
    Se la diluizione porta l’ipotetico materiale disperso a livelli infinitesimi, ammesso che sia possibile rilevarlo, creerebbe problemi nel distinguerlo da quello che è il fondo naturale del pulviscolo atmosferico.

    Se servisse (e interessasse) qualche chiarimento in più, preferirei che mi venisse chiesto via email (mastrocigliegia su yahoo italiano, anche se credo che la vedi dal messaggio) per non ammorbare con tecnicismi più o meno astrusi il resto dei commenti.

    • Considera però che i sostenitori complottisti fanno ben altre affermazioni tra cui:
      – quota delle scie
      – che siamo inondati da decenni da nebbie neurotossiche di ricaduta
      – che il cielo è bianco causa micro particelle in sospensione
      – che il disperso di ciascuna scia va moltiplicato per il numero delle scie presenti

      Detto questo io penso che non si possa con solo un prelievo o due fugare ogni dubbio dalla mente di un ogni complottista… credo tuttavia che si possa efficacemente porre un margine, un freno ed un limita alla dilagante sequela di affermazioni totalmente campate in aria strombazzate a giorni alterni da chi ben sappiamo.
      Tali affermazioni peccano sì della più elementare logica di base, sono sì incoerenti mal scritte e mal documentate… tuttavia fanno presa sulla mente di molti complottisti minori.

      Il primo passo di questa lodevole iniziativa dovrebbe essere quello di gridare per l’appunto “Il Re è nudo!” e chiudere una volta per tutta la questione per ciò che riguarda quei due ciarlatani.

      Fatto questo ben vengano ulteriori considerazioni, analisi e prove sempre però su base RAZIONALE e SCIENTIFICA, non pseudo-apocalitticheggiante e cialtronesca.

    • Sono dei maledetti disinformatori in erba!
      Piccoli morgelloni troppo cresciuti che ingannano la povera gente!

      Solo Straker dal suo terrazzino può decidere o meno sulla fattibilità di tali lanci ed analisi, tutto il resto è fuffa!

  8. Aspetto fiducioso la pubblicazione dei protocolli che intendete usare. Non ho preconcetti, ma é passato tempo da quando avete annunciato le vostre intenzioni.
    Renato.

    • è ferragosto sono tutti in ferie mica come i due fratelloni acconguagliati arrivati alla cronaca sui giornali per il loro misero modo di comportarsi, so per certo che ci saranno novità alla fine del mese

    • Sarebbe stato meno foriero di sospetti un “Cari sostenitori, siamo in ferie. Le pubblicazioni sul blog riprenderanno il giorno Y”.
      Sai, come fanno normalmente i negozianti…

  9. Lo sapevo, volevate farmi le scarpe e rubarmi l’esclusiva della truffa a mezzo scie comiche, i gonzi sono miei! Andate a lavorare che io non voglio, preferisco fare il mantenuto tra gonzi e fratello (gonzo pure lui però). Anzi giratemi le donazioni che compro un nuovo telemetro inesistente!

    • Cazzo, è vero! XD
      I’ve been PWNED
      16 ore e 27 minuti per
      1) pubblicare i protocolli
      2) pubblicare il progetto del pallone sonda e il suo stato attuale di realizzazione

      I beeeeelieeeeveeeeeee…

  10. Voi siete considerati negazionisti miscredenti.
    Perché quella delle scie chimiche é una religione.Il prelievo in quota non é contemplato.Vi manca la fede in San Marcianó patrono della scia chimica.
    Se vi va bene sarete accusati di aver analizzato l’unica scia di condensa davvero persistente.Se vi va male verrete accusati di essere finanziati dall’NWO per dimostrare il falso…
    Per come la vedo io se ci fosse davvero in atto un’operazione segreta di geoingegneria atmosferica cosa che non mi sento di escludere a priori…Marcianó sarebbe il primo responsabile a screditare un’eventuale teoria delle scie chimiche con le sue prove stupide e ignoranti.Dopo tutte le bufale di marcianó e i suoi finti aerei commerciali o droni a 2000 metri o ancora peggio le ignorantate sulla prospettiva verrebbe molto facile bollare tutto come una super bufala.A questo punto si potrebbe dire che Marcianó farebbe il gioco dei militari allontanando le persone da delle prove vere.
    Se per caso vi dicessi che le scie rilasciate fossero invisibili e come effetto avessero quello di aumentare a dismisura sacche d’umiditá favorendo un numero piú alto di scie di condensa persistenti?Potrebbe forse essere una teoria ben piú credibile delle baggianate della Wanna Marchi delle scie…
    Questo individuo continua a postare assurditá e concetti scientifici fasulli.
    Io personalmente non ho dubbi che quelle che vediamo siano scie di condensa casomai mi chiedo se per caso ci sia qualche additivo nei carburanti a stimolare piú condensa favorendone anche la persistenza eventualmente.Qualche additivo che favorisca una piú rapida saturazione del ghiaccio rispetto al passato sempre condizioni meteo permettendo.
    Le prove di Tanker Enemy aiutano solo a far confusione e ad allontanarci fa quella che potrebbe essere la veritá magari anche banale senza mettere in mezzo Bario Stronzio e Allumino.
    Direi che Marcianó é proprio stronzIo.
    Quando parla di 2000 metri perché non ha mai preso un cavolo di Cesna dimostrando in video di entrare dentro una scia?Eppure sarebbe cosí semplice e alle nostre temperature dimostrerebbe che non si tratterebbe di semplice condensa…
    É attento al suo orticello e preferisce continuare a postare bufale oppure é scemo naturale come tutti quelli che gli danno credito?

  11. scomparsi nel nulla, lo dicevo che non eravate tanto differenti da Strakkino… bufala voi come bufala lui e le cazzate che dice

  12. Io ho aperto oggi una contestazione su Paypal, invito tutti a farlo.
    Non é tanto per recuperare i miei 5 Neuri, ma é per non farli avere a questi straccioni al pari della Rosi.
    Si deve andare su Paypal e fare logging, poi :
    – andare su “Centro Risoluzioni”,
    – cliccare su “Disputa una transazione” ,
    – scegliere “Disputa su un articolo”,
    – cliccare sul link “Cerca ID della Transazione” , si aprirá una pagina con le vostre transazioni su Paypal:
    – modificare il periodo in esame perché verosimilmente la donazione risale alla prima settimana di Luglio, e cliccare “Mostra”
    – cliccare sul link della transazione da contestare, il numero di transazione viene riportato sul modulo originario
    – premere Continua
    – inserire il messaggio al destinatario (es.: L´ esperimento non é stato effettuato e siete spariti con i soldi. É una truffa!)
    – Confermare inviando la contestazione.

    Aspettare i soldi e probabilmente anche una indagine per frode in caso il denaro in questione non sia piú disponibile e in molti lo richiediamo indietro.

    • Hai fatto benissimo. Non devono averla vinta. Perché 5euro a te 5 euro a un altro, quelli si pagano la discoteca… ma che vadano a lavorare.

      Secondo me sarebbe più che opportuno anche sporgere denuncia per frode alla Polizia o ai Carabinieri. Noi non possiamo risalire all’identità di questi scrocca-caramelle, ma le Autorità possono.

      Sarebbe fortemente istruttivo che venissero convocati in Questura o in Caserma.

  13. Per me è un bimbominkia che ha arrotondato la paghetta…
    …sarebbe *molto* opportuno e istruttivo che chi ha fatto una donazione, anche piccola:
    1) avviasse la procedura di PayPal per “oggetto non ricevuto”
    e SOPRATTUTTO
    2) sporgesse denuncia ai Carabinieri o alla Polizia per FRODE.

  14. PING…
    …è quasi ferragosto DI UN ANNO DOPO, e tutto tace…

    Ci sono usciti almeno un paio di Martini con le donazioni degli allocchi?

    • Frysimpson questi sono spariti e a distanza di 3 anni TANKER ENEMY è ancora ATTIVO ha fatto un documentario e ha lanciato la raccolta fondi per l’acquisto di un DRONE per fare i prelievi.
      Comodo, economico e utilizzabile più volte.
      Comunque il conto P-Pay era intestato a Fabrizio Scaranello già noto da tempo per cui facilmente rintracciabile (anzi già rintracciato da anni).

  15. Grazie al vostro impareggiabile lavoro, avendo capito che le scie nel cielo sono causate dalla condensa dell’acqua, abbiamo promosso una petizione per evitare la bollitura dell’acqua così da evitare questo annoso problema che ha assunto livelli veramente preoccupanti a cui urge porvi rimedio quanto prima.
    Questa condensa causa grave diminuzione della radiazione solare con tutte le conseguenze che ne derivano sul ciclo biologico delle piante
    https://secure.avaaz.org/it/petition/Tutti_Vietiamo_la_bollitura_dellacqua_per_fermare_le_scie_di_condensa_in_ITALIA/share/?new

    FIRMA & CONDIVIDI! ORA TOCCA A NOI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...